Andrea Severini

Un cittadino in MoVimento

Cambiare le proprie abitudini per cambiare il mondo.

Immagine

 

Oggi a pausa pranzo al lavoro ho scattato questa foto.

Sono 12 bottigliette di plastica di 12 miei colleghi consumate durante la pausa.

Facendo un calcolo ogni settimana, queste 12 bottiglie, si trasformano in 60,

240 al mese e in un anno sono 2880!

Solamente 12 persone consumano quasi 3000 bottiglie l’anno a pranzo d’acqua in bottiglia, ecco ora fate il calcolo per tutta la popolazione, si raggiungono delle cifre assurde.

Pensate ora se queste 12 persone si portassero una bella borraccia da casa.

Le quasi 3000 bottigliette all’anno sparirebbero di colpo, il portafoglio sarebbe meno vuoto e l’ambiente ringrazierebbe.

Cambiare le proprie abitudini di vita, le più semplici, possono cambiare il mondo.

Da domani tutti con la borraccia e l’acqua del sindaco?

Cambiare è semplice e rivoluzionario!

 

 

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Cambiare le proprie abitudini per cambiare il mondo.

  1. In questo caso cambiare abitudini oltre che rivoluzionario è anche benefico per il portafogli e per la salute: bere l’acqua di rubinetto comporta meno rischi per la salute, perchè i controlli sono molto maggiori rispetto a quelli fatti nell’acqua in bottiglia, e costa centinaia di volte di meno (mille litri di acqua di rubinetto costano un euro e mezzo).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Andrea Severini

Un cittadino in MoVimento

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Blog di Angelo Diario

Che la rivoluzione culturale abbia inizio!

Enrico Stefàno| Consigliere Capitolino

Non serve una centrale da un MegaWatt, ma un milione di cittadini che producano un Watt

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: