Andrea Severini

Un cittadino in MoVimento

Archivio per la categoria “Vita”

Lo sapevi che? Banca Etica…

banca-etica

Continua l’appuntamento con lo sapevi che?

Stavolta parliamo di banche più precisamente di Banca Etica.

Questa banca esiste dal 1999 ed è una delle più floride in Italia, investe i risparmi dei propri clienti(anche i miei pochi spiccioli) in cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e tutela ambientale.

Un dato verificabile e pubblico qui

Banca Etica è l’unica banca in Italia che mostra sul proprio sito tutti i finanziamenti erogati  e sopratutto non investe i NOSTRI RISPARMI in speculazioni finanziarie e in finanziamenti alquanto discutibil(armamenti, impatto sociale, impatto ambientale, paradisi fiscali, tutela del risparmiatore, energia nucleare e privatizzazione dei sistemi idrici)

Sviluppa l’attività bancaria a partire dai principi fondativi sanciti nell’articolo 5 del loro statuto: trasparenza, partecipazione, equità, efficienza, sobrietà, attenzione alle conseguenze non economiche delle azioni economiche, credito come diritto umano.

Quasi tutti noi possediamo un conto corrente, come dico spesso, i piccoli gesti cambiano il mondo.  Quindi perché non cambiare banca ed affidare i nostri risparmi a chi li investe per i fini sopra descritti?

A Roma la filiale si trova qui e si può anche aprire un conto online, costa un po’ di più(non troppo)dei conti classici ma almeno so che i miei soldi non andranno a finanziare cose che combatto tutti i giorni.

A volte basta poco, solo volerlo.

Lo sapevi che? L’olio nel lavandino…

olio

 

Seconda ‘puntata’ di lo sapevi che, stavolta parliamo di Olio usato, che può essere altamente inquinante e non tutti conoscono gli effetti devastanti di una pratica che vedo spesso fare a molte persone.

Rispolvero delle nozioni che preparammo, insieme al gruppo del municipio 14,  anni fa:

Dopo aver preparato un’ottima frittura o cucinato con olio, molti buttano via l’olio nello scarico del lavandino, in altri scarichi domestici o lo gettiamo nel cassonetto dei rifiuti, chiuso in un barattolo o in una bottiglia, pensando che dello smaltimento se ne occuperà qualcun altro, MA… non tutti sanno che una volta entrato nel sistema fognario, l’olio forma uno strato più o meno sottile sulla superficie dei liquami che:

– quando arriva nel sottosuolo, forma uno strato sottile attorno alle particelle di terra e impedisce alle piante l’assunzione delle sostanze nutritive;

– quando raggiunge pozzi di acqua potabile li rende inutilizzabili: l’olio mescolato all’acqua ne altera il gusto rendendola imbevibile (pensa che è sufficiente un solo litro di olio per contaminare un milione di m3 di acqua o uno specchio d’acqua di circa 1.000 m2!);

– se raggiunge uno specchio d’acqua superficiale, ad esempio un lago o uno stagno, può formare una sottile pellicola impermeabile che impedisce l’ossigenazione e quindi compromette l’esistenza della flora e della fauna;

– disperso in mare forma un velo sottilissimo che impedisce, oltre all’ossigenazione, anche la penetrazione in profondità dei raggi solari con gravi conseguenze per l’ambiente marino.

Quindi raccoglilo quando è a temperatura ambiente in un contenitore(vetro sarebbe meglio) e mettilo sotto al lavandino, quando è pieno portalo al centro di raccolta olii usati nel tuo municipio(mappa).

Nel municipio 14, oltre al centro di raccolta, c’è un supermercato che ha installato, presso la Conad in via trionfale 11472, un bidone per la raccolta dell’olio usato grazie alla sensibilità del proprietario.

Buona vita.

Viaggio nel futuro e ritorno. Amsterdam vs Roma

Sono stato per tre giorni in un altro mondo.

Sono stato per tre giorni avanti di 200 anni.

Sono stato nel regno delle biciclette.

Parlo di mobilità e non di altro, perchè se parlassi di altro forse la distanza sarebbe ancora maggiore.

In questo poco tempo ho visto una città che è stata costruita e pensata per VIVERE.

Ho visto papà, mamme, bambini e anziani muoversi con le loro biciclette con disinvoltura, come se fosse la cosa più naturale del mondo.

Sole, pioggia, vento a loro non importa.

Bambini piccolissimi col vento gelido del nord in faccia senza lamentarsi, solo grandi sorrisi, avevano sorrisi indimenticabili.

La bicicletta come mezzo di trasporto, la bicicletta come mezzo più veloce per muoversi.

Integrata perfettamente con i mezzi pubblici(TRAM) e con una rete ciclabile perfetta che collega ogni angolo della città.

Ogni strada pensata e studiata a tavolino, zone 30 ovunque, dossi per non far andare veloci le macchine, rotatorie con diritto di precedenza per le biciclette. Nulla lasciato al caso. Piste ciclabili perfette.

Ogni corsia dedicata alle macchine ha obbligatoriamente la corsia per le biciclette, in tutte e due le direzioni.

Zone VIETATE alle automobili private e molte aree ad uso esclusivamente pedonale e/o ciclabile.

Sono stato 200 anni sbalzato in avanti, forse più.

Mi sono svegliato bruscamente oggi, con un bel clacson e le urla di un coatto che mi urlava perchè stavo cercando di evitare una buca per non finirci dentro.

Mi sono svegliato oggi vedendo una ciclabile, costata 5 milioni di Euro per 5 Km di pista tutta rattoppata e poco funzionale perchè non esiste una rete ciclabile.

Nella mia città, la bici è vista come un ogetto non identificato, sei visto come un alieno. La bici, per molti, è solo per il tempo libero.

Ritorno alla dura realtà, dove le macchine la fanno da padrone, con un forte senso di impotenza.

Sogno una città dove mio figlio possa andare a scuola con il sorriso in faccia e il vento nei capelli, non rinchiuso in una scatola di metallo.

Sono andato nel futuro e ci sono rimasto perchè scelgo di muovermi ogni giorno con la mia bicicletta.

Chi lo fa è nel futuro, anche a Roma.

ONESTA’…Quanto sei bella…

24 Gennaio 2015, la notte dell’onestà è arrivata.

Una parola che sta tornando di moda grazie a dei ragazzi che la pretendono e la difendono ad alta voce ogni giorno.

Una parola bella, che deve essere l’orgoglio di tutte le persone che ogni sera potranno guardarsi dritto negli occhi allo specchio senza abbassare lo sguardo.

E’ arrivato il momento di far sentire la voce delle persone oneste, quelle che combattono ogni giorni per un mondo pulito.

L’onestà è rara in questo mondo, ma è il requisito fondamentale per amministrare il bene comune.

Lo dobbiamo pretendere tutti, se non si ha questo TIC (cit.Beppe) non si può essere degni di ricoprire una funzione pubblica.

Fuori i mafiosi, i condannati, i ladri, i corrotti.

Bisogna cacciarle queste persone.

COSTORO non potranno mai rappresentarci, mai!

Vogliamo che le istituzioni siano libere dalle persone senza scrupoli che pensano solo ai propri “affari”.

Ti aspettiamo, domani,  il 24 dalle ore 16.30 a Piazza del Popolo per gridare forte: ONESTA’!!

Se sei di un altro partito ma ti reputi onesto domani è anche il tuo giorno, ci sono persone oneste ovunque ma molto spesso si sentono sole e fuori dal mondo, da domani però non lo saranno più.

Noi ci siamo, fai uscire la tua voce.

Ti aspettiamo!!

Onestà…quanto sei bella!

A Rosarno le arance valgono di più

Anche oggi grazie alle persone di buona volontà siamo riusciti a fare lo scarico di arance a Ottavia provenienti da Rosarno. Perché ci sono persone che preferiscono acquistare queste arance piuttosto che quelle del supermercato? La risposta è semplice almeno per noi, ma se ci pensi bene lo sarà anche per te. Primo queste arance non sono trattate e quindi sono al 100% naturali, secondo chi raccoglie gli agrumi é un bracciante in regola trattato come persona e non come un schiavo, terzo il rapporto stretto e la conoscenza precisa della provenienza ti permette di capire bene con chi hai a che fare e fa nascere un legame tra produttore e consumatore che va oltre il mero rapporto commerciale, si crea quel rapporto di fiducia che è impossibile creare nella grande distribuzione. Ecco perché un arancio o un mandarino valgono di più a Rosarno, il progetto di questi ragazzi, in una terra difficile e segnata da mille problemi, illumina e porta la luce in un mondo che troppo spesso è torbido,sfruttato e dominato dalla grande distribuzione.Grazie a chi ci crede, sempre!

2015/01/img_0026.jpg

800 EURO

Una bella sorpresa ci attende al ritorno dei nostri figli a scuola.
Qualcuno più informato lo sa già, molti non sanno del nuovo salasso che li attende all’apertura delle scuole.
Questo governo(di incapaci) e questa amministrazione cittadina(incapaci forse è poco)tengono in segreto questa batosta che si sta per abbattere nei nostri conti famigliari.

Come notate dalla schermata in basso, questa è la tariffa mensile, che pagavamo (tariffa intera per reddito ISEE) lo scorso anno per la mensa di nostro figlio, 54,74 Euro al mese per un totale annuo di 540,74 Euro.
54,74
Quest’anno invece, ecco la sorpresa che ci attende per il nuovo anno scolastico:

80
Sempre tariffa intera per reddito ISEE, 80 Euro al mese per 10 mesi= 800 Euro!!!

Ben 260 Euro di aumento quasi il 48% di aumento!

Ho notizia(da amici) che anche il trasporto scolastico è aumentato, non conosco nel dettaglio le cifre ma molti genitori si lamentavano anche di questo ulteriore salasso.
Per fortuna nostro figlio va a scuola a piedi o al massimo in bicicletta con me.

Grazie di cuore a questi incapaci che spingono sempre di più per smantellare la scuola pubblica e che dirigono sempre più famiglie verso scuole private.
Il PD ormai è la copia spudorata del PDL, non farti ingannare guarda come stanno realmente le cose nella vita di tutti i giorni. Con gli 80 Euro ti hanno comprato, è la stessa tattica che ha adottato il delinquente con l’abolizione dell’ICI!
Quello che ti stanno raccontando è FALSO!

ps e off topic:
Ho saputo oggi, che anche gli inquilini in affitto dovranno pagare la Tassa sulla casa(quelli in affitto, cioè noi, ti rendi conto?) e che la Tassa sui rifiuti aumenta, lo sapevi?

Progetto Wezapp verbale e considerazioni personali

Ieri 10 Aprile, c’è stato un ulteriore incontro per il progetto wezapp, che ricordo è la richiesta di alcuni cittadini di prendere in affidamento un terreno in stato di abbandono da molti anni in Via Battistini.

Questo il progetto presentato e protocollato al municipio il 20 Marzo.

Dopo la commissione urbanistica alla quale siamo stati invitati per presentare e discutere del progetto (qui il video della commissione) veniamo nuovamente convocati per un incontro privato tra i proponenti, l’assessore, il presidente e il consigliere Ciattaglia (PD).

Questo il verbale dell’incontro di ieri.

Continuiamo sulla nostra strada, presenteremo un progetto più dettagliato come richiesto ma ora cominciamo a drizzare le antenne perché su quel terreno abbandonato da 20 anni forse ci sono altri interessi (vedi parcheggio e possibilità di incasso per il comune/municipio)

Il tempo scorre e la mia sensazione è che si voglia prender tempo, spero di essere smentito subito da domani.

 

Via Trionfale, strada Afghana o Romana?

Ogni giorno percorro con la bici la Via Trionfale, ogni giorno io e molti altri ciclisti rischiamo veramente tanto perchè la strada, come dimostra questo video, è un colabrodo.
In attesa delle piste ciclabili, promesse dal sindaco, dal municipio e dal mondo intero, chi ha deciso di spostarsi in città con la bici ha diritto almeno ad un manto stradale quantomeno perfetto. Pretendo troppo? Guardate questo video e ditemi voi se sembra una strada della capitale oppure Kabul, ditemi voi se i cittadini che pagano le tasse (e ce ne sono) non hanno diritto a vivere in una città almeno decente. I nostri politici dovrebbero fare di più e parlare di meno, andare meno in televisione e impegnarsi a risolvere questo schifo.

We Zapp, siamo contagiosi!!!

Nel Municipio 14 c’è una strana malattia contagiosa,

si chiama partecipazione.

Sveglia la tua passione per il tuo quartiere, la tua via, il tuo parco.

Muoviti, organizza con i tuoi vicini, con i tuoi amici qualcosa che possa migliorare il posto in cui vivi.

Solo così potremmo veramente cambiare le cose, non esistono LEADER o PARTITI o SANTI che lo facciano per te.

Sveglia la tua voglia di migliorare questa città,

esempio di cittadinanza attiva:

alcuni cittadini nel Municipio 14 hanno presentato la richiesta di adozione di un’area verde abbandonata al degrado,

è stata protocollata il 20 Marzo 2014, ora attendiamo le istituzioni

Immagine

Intanto quando ti chiederanno che ore sono…rispondi WE ZAPP!! 😀

 

Quando i partiti si fanno belli e non riescono a mantenere quello che promettono.

10 Marzo 2012, Via Trionfale.

Nello spartitraffico ormai abbandonato da anni, alcuni cittadini, sponsorizzati dal più grande partito di promesse non mantenute, tutto chiacchere e distintivo, si apprestano a riqualificare l’aria con un’iniziativa lodevole. Piantando una trentina di alberi e ripulendo la zona come dimostrano queste foto.

Immagine

Immagine

I giornali in pompa magna definiscono questa operazione come l’iniziativa del secolo nel nostro municipio e quasi tutti i cittadini credono alla favola che quella zona non sarà più abbandonata al degrado e sarà riqualificata.

Quanto sarà costata quest’iniziativa? Sono soldi dei cittadini o dei circoli del PD? Non lo sapremo mai.

Il Pd Monte Mario e tutti i circoli del Pd del municipio scrivono questo nel comunicato:

Si tratta di un atto d’impegno civico per il quale invitiamo la cittadinanza a partecipare, a tornare ad essere protagonista, a segnalare situazioni critiche, a fare festa dove le cose migliorano. Lavoriamo insieme per avere un quartiere più sostenibile, più civile, più bello”!

Per fortuna la rete non dimentica e questi articoli si ritrovano con una facilità imbarazzante, imbarazzante ovviamente per chi dice di volersi occupare del bene pubblico.

Bastano però pochi mesi e i cittadini tanto volenterosi e sempre il PD,tutto chiacchere e distintivo, si dimenticano di quel posto, passano dei mesi e degli anni.

Oggi 18 Marzo 2014, dopo ben due anni, ecco i risultati.

Immagine

Immagine

Questo è come i partiti fanno credere che la gestione del bene pubblico sia una loro priorità.

Questo è l’esempio di come i partiti prima delle elezioni fanno credere ai cittadini che si preoccupano per loro.

Quante volte abbiamo visto queste iniziative poi cadute nel vuoto?

Quante volte abbiamo visto la strada sotto casa, sempre dissestata, magicamente asfaltata pochi giorni prima delle elezioni?

Ci siamo stancati, noi vogliamo che chi ci governa si preoccupasse sempre del decoro di questa città non solo nei momenti a loro più convenienti per strappare dei voti.

L’esempio dello spartitraffico è un piccolo esempio, ma fa capire bene come i partiti gestiscono la nostra vita.

Mandiamoli a casa!

Navigazione articolo

Andrea Severini

Un cittadino in MoVimento

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Blog di Angelo Diario

Che la rivoluzione culturale abbia inizio!

Enrico Stefàno|Emozioni a 5 Stelle

Non serve una centrale da un MegaWatt, ma un milione di cittadini che producano un Watt

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: